Il Portogallo lancia una nuova categoria per il Turismo del vino

PREMIO DEL TURISMO DEL VINO PORTOGHESE 2024 CON LA NUOVA CATEGORIA

APENO ha lanciato una nuova categoria che innova il concetto di Enoturismo. Verranno ora premiate anche le aziende del settore con sede in ambiente urbano.

Il 24 maggio si terrà la terza edizione del Premio Portoghese per il Turismo del Vino (PNE), promosso dall’Associazione Portoghese per il Turismo del Vino (APENO). Poiché il concetto di turismo del vino nella Carta europea si rivela obsoleto, APENO prende l’iniziativa di ridefinire il concetto, includendo l’emergente turismo urbano del vino. Questo concetto riguarda non solo le cantine (che possono essere situate in un ambiente urbano), ma anche strutture urbane come enoteche, wine bar, hotel e ristoranti che, offrendo esperienze di qualità, promuovono il vino e la sua storia. «Il concetto di Enoturismo presente nella Carta Europea del Turismo del Vino, che non è nemmeno ufficiale, è del tutto superato, poiché considera solo le aziende enoturistiche in ambienti rurali. L’enoturismo esiste da molto tempo anche in ambiente urbano in città, paesi o addirittura villaggi, creando una dinamica molto interessante che sostiene l’evoluzione del settore», spiega la presidente esecutiva di APENO, Maria João de Almeida.

La prima edizione del PNE si è svolta nel 2022 a Lisbona, e nel 2023 si è tenuta a Redondo. La prossima sede sarà svelata a breve, il 31 gennaio, al ‘2° Incontro dei Professionisti del Turismo del Vino’, presso l’Università Europea, a Lisbona. «Non posso ancora rivelare dove si svolgerà l’evento del Premio Portoghese per il Turismo del Vino, ma posso dire che quest’anno metterà in risalto una destinazione diversa. Quando possibile, vogliamo continuare a viaggiare per il Paese, decentralizzando e dando la possibilità ad altri luoghi di ospitare questo evento, che è già il più grande riferimento del settore a livello nazionale'”, ha concluso Maria João de Almeida.

Il Premio Portoghese per il Turismo del Vino è stato creato con l’obiettivo di promuovere, incoraggiare e distinguere i migliori progetti nel settore del Turismo del Vino. In questa terza edizione del Premio Portoghese per il Turismo del Vino, l’obiettivo è quello di premiare le imprese/progetti portoghesi che si distinguono come storie di successo. Così, oltre al Best Urban Wine Tourism Award, le restanti categorie sono Miglior Ospitalità, Miglior Innovazione e Tecnologia, Miglior Arte e Cultura, Miglior Negozio, Miglior Progetto Sostenibile, Miglior Progetto Inclusivo, Miglior Azienda Turistica, Miglior Sala Degustazione, Miglior Sommelier, Miglior Chef, Miglior Ristorante, Miglior Soggiorno, Miglior Professionista e Miglior Enoturismo in Portogallo.

Print Friendly, PDF & Email
+ posts

Grazie a molte attendibili fonti italiane ed estere, creiamo o rilanciamo notizie relative al mondo dell'enogastronomia, del turismo, e di interesse generale.

Previous articleIl mondo del vino piange la scomparsa di Ezio Rivella
Next articlePassione Torcolato, come nasce un vino cult