Portogallo: il turismo del vino fa gola anche lì.

Anche il Portogallo si mette in moto per sostenere il suo turismo del vino.

L’Associazione Portoghese del Turismo del Vino (APENO) ripropone l’evento dedicato alle migliori aziende e ai migliori professionisti del settore enogastronomico. Nel portoghese Wine Tourism Award, che quest’anno si svolge a Santarém, più di 250 personalità e organismi ufficiali legati al mondo del vino e del turismo esprimeranno le loro preferenze nelle diverse sezioni professionali proposte.

L’APENO/ Ageas Seguros Portuguese Wine Tourism Award (2024) si terrà il 24 maggio 2024 a Quinta dos Anjos, a Santarém.
«La prima edizione di questo premio, nel 2022, si è svolta a Lisbona, ma uno degli obiettivi di APENO è decentralizzare ad ogni edizione e generare un flusso di persone per pubblicizzare il potenziale delle nostre regioni nazionali. Pertanto, nel secondo anno si è tenuto in Alentejo, a Redondo; e ora l’evento si tiene  a Ribatejo, a Santarém», ha dichiarato il Presidente di APENO, Maria João de Almeida. «Come è successo lo scorso anno, la nostra festa avrà molte sorprese nuove e insolite, sarà un evento out-of-the-box, dove i professionisti del settore e gli altri ospiti, indipendentemente dal fatto che portino a casa un premio o meno, avranno l’opportunità di mescolarsi, di essere sorpresi e divertirsi», conclude.

Situato a 5 chilometri dal centro storico di Santarém, Quinta dos Anjos è la location scelta per ospitare il National Wine Tourism Award. Questa  proprietà non appartiene a un produttore di vino, ma si propone per un turismo rurale tradizionale di Ribatejo, immersa come è nei suoi 130 ettari di cui 50 sono coperti da foreste di pini e sughero, per offrire ai visitatori un paesaggio unico. “E’ con immensa soddisfazione che ospitiamo nel nostro comune un premio che ha la funzione di valorizzare le aziende leader nel settore del turismo del vino, un settore che ha guadagnato risalto sia a livello nazionale che internazionale” dice Ricardo Gonçalves, sindaco di Santarém, che, insieme ad Almeirim, Alpiarça e Cartaxo, sono state elette Wine City 2024.

Nel frattempo, l’Ente Turistico Regionale dell’Alentejo e della Ribatejo, che per il secondo anno consecutivo si unisce a APENO in questa manifestazione, esprime ancora una volta soddisfazione nel poter richiamare l’attenzione sul proprio territorio: “Il turismo del vino sta acquisendo maggiore forza a Ribatejo, con nuovi progetti e un dinamismo sentito nelle cantine e dai produttori, in combinazione con l’alta qualità dei vini Tejo. Questo è anche il motivo per cui, fin dall’inizio, abbiamo esortato APENO a portare l’edizione 2024 del National Wine Tourism Award a Ribatejo, che quest’anno è anche Wine City nel nostro paese” dice José Santos, Presidente dell’Alentejo e Ribatejo Regional Tourism Entity.  “Uno degli obiettivi prioritari definiti dalla regione del vino Tejo è quello di lavorare insieme con la strada del vino Tejo e i nostri produttori per migliorare il turismo del vino in Ribatejo” dice il presidente della Commissione Tejo Wine, Luís de Castro.

Quindici categorie premiate:

L’APENO/ Ageas Seguros 2024 National Wine Tourism Award premierà così le imprese/ i progetti portoghesi che si sono distinti come casi di successo, inquadrati nelle seguenti quindici categorie: Miglior turismo del vino del Portogallo; Miglior professionista; Best Stay; Miglior ristorante; Best Chef; Miglior Sommelier; Migliore sala di degustazione; Best Tourism Company; Progetto Best Inclusive; Miglior Progetto Sostenibile; Best Store; Arte e cultura migliori; Migliore innovazione e cultura; Migliore ospitalità; e Miglior Turismo Vino Urbano.

La giuria, composta da oltre 250 giurati, comprende giornalisti del settore enoturistico, enti ufficiali del settore (Commissioni Regionali del Vino e Enti Regionali del Turismo), chef, sommelier e anche soci APENO (gli organismi ufficiali voteranno in diverse regioni, mentre i professionisti del settore e gli associati voteranno per persone e progetti al di fuori del proprio). Candidati e vincitori saranno annunciati durante l’evento a Santarém.
Vale la pena notare che APENO è stata fondata nel febbraio 2021 con l’obiettivo di organizzare e sostenere lo sviluppo del turismo del vino, un settore senza definizione ufficiale, legislazione o numeri; e fin dalla sua istituzione, ha lavorato per avvertire il governo di questa necessità. La sua già ampia lista di associati comprende alcune delle più grandi aziende vinicole (che già rappresentano oltre l’80% della produzione vinicola nazionale), agenzie di viaggi e turismo, hotel e ristoranti di vini.

Rosanna Ferraro

Print Friendly, PDF & Email
+ posts

Giornalista, Sommelier, ha lavorato al Gambero Rosso per oltre 10 anni come giornalista, degustatrice per la Guida ai Vini d’Italia, autore e regista dei servizi televisivi per il Gambero Rosso Channel, autore di libri su vino, cucina e turismo. Ha partecipato al progetto di rilancio del brand Franciacorta e nel 2006 ha fondato Vinotype, un’agenzia di comunicazione specializzata per le Aziende vitivinicole. Nel 2010 ha lanciato il magazine on line Vinotype.it.

Previous articleL’Enoturismo non è più una novità. Anzi si.
Next articleContinuità insieme a idee nuove: quando un Consorzio trova la quadra