IGM, il “sistema” che racconta i vini italiani all’estero

L’Istituto Grandi Marchi (IGM) è un’associazione fondata nel 2004 da 18 tra le più importanti realtà vitivinicole italiane. Le uniscono lo status di grandi famiglie del vino e il desiderio di divulgare la cultura, le tradizioni, i valori etici e sostenibili dell’eccellenza del Made in Italy.

Alois Lageder, Folonari Tenute, Antinori, Argiolas, Ca’ del Bosco, Carpenè Malvolti, Col d’Orcia, Donnafugata, Jermann, Lungarotti, Masi, Mastroberardino, Michele Chiarlo, Pio Cesare, Rivera, Tasca d’Almerita, Tenuta San Guido, Umani Ronchi, sono queste  le aziende che 20 anni fa hanno iniziato un percorso sul quale, come ha detto il presidente Piero Mastroberardino, “pochi agli inizi degli anni 2000 avrebbero scommesso. Un format di gruppo composto da attori abituati a calcare le scene da protagonisti individuali. Ma l’IGM ha intrapreso sin da subito la strada giusta, diventando un caso di studio sul senso di fare sistema, esprimendo la diversità delle realtà produttive e, allo stesso tempo, rappresentando l’identità del vino tricolore oltreconfine”.

Per celebrare i venti anni dalla loro unione, le aziende dell’IGM hanno presentato una sintesi delle attività svolte nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta a Roma, nella nuova sede della Stampa Estera, a Villa Grazioli: sono stati ricordati i 412 eventi internazionali in oltre 30 Paesi, le 129 masterclass, i 125 walkaround tasting, gli 82 gala dinner. Un’attività che ha contribuito alla diffusione del marchio Italiano nel mondo in un percorso quasi in parallelo con l’andamento del complesso dei vini italiani presso i mercati internazionali negli ultimi 20 anni, stando ai dati raccolti, e presentati,  da uno studio realizzato da Wine Monitor di Nomisma.

E’ stato poi presentato il nuovo logo celebrativo dei 20 anni e un parziale calendario delle attività per l’anno in corso, che vede la prima tappa a Milano il 18 giugno, per un evento charity presso l’Hangar Bicocca in collaborazione con Progetto Itaca; e una seconda a Londra il 25 giugno, per confermare la storica partnership con IMW (Institute of Masters of Wine) nel corso di una cena speciale presso l’Ambasciata d’Italia.
Nell’ultima fase della “celebrazione”, è stato presentato alla stampa convocata il trailer del docufilm dedicato ai 20 anni del gruppo realizzato con le testimonianze dei rappresentanti delle 18 famiglie, con le loro narrazioni, le aspirazioni, gli obiettivi e gli aneddoti che hanno caratterizzato le due decadi di vita in comune. Il docufilm sarà presentato nella sua versione integrale nel corso di una proiezione speciale prevista per l’autunno.

 

Print Friendly, PDF & Email
+ posts

Grazie a molte attendibili fonti italiane ed estere, creiamo o rilanciamo notizie relative al mondo dell'enogastronomia, del turismo, e di interesse generale.

Previous articleCristian Ridolfi è il nuovo presidente del Consorzio del Soave
Next articleLa solidarietà si coltiva. E darà molti frutti