ONLY WINE: ripartono le degustazioni aperte al pubblico

Il mondo del vino riparte da ONLY WINE

La manifestazione enoica riapre al pubblico e agli
addetti al settore, interamente outdoor, nel rispetto delle regole di sicurezza vigenti.
Presso il parco di Palazzo Vitelli Sant’Egidio a Città di Castello (PG)

Sabato 19 giugno dalle 14:30 alle 21:00
Domenica 20 giugno dalle 11:00 alle 13:00 degustazione tecnica per la stampa e gli addetti al settore
Banchi d’assaggio 14,30 – 18:30

Con i suoi 100 produttori con appezzamenti al di sotto dei 7 ettari e meno di 40 anni di età l’OnlyWine quest’anno vuole offrire un “trampolino” di ri-lancio alle proprie cantine provate dalla crisi. Come raccontano i dati raccolti nel report elaborato dall’Ac Company, infatti, l’80% delle cantine ha avuto un calo di quasi il 50% del fatturato.

Fino a qualche settimana fa sembrava un miraggio e invece l’Only Wine scenderà in campo nel 2021 per lanciare la sua “sfida” alla pandemia, prendendo per mano i 100 produttori under 40 e le piccole cantine al di sotto dei 7 ettari, che stanno aspettando da un anno di poter tornare in pista.
La decisione è stata presa dall’Ac Company guidata da Andrea Castellani, ideatore della manifestazione in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier nella figura del Presidente di AIS Umbria Sandro Camilli. La manifestazione avrà una nuova veste attraverso un nuovo format che prevede una fiera interamente outdoor. L’evento si
svolgerà, infatti, presso Palazzo Vitelli Sant’Egidio a Città di Castello occupando l’intero
parco per l’area espositiva il 19 e 20 giugno 2021.
“Quest’anno ci presentiamo anche con dati alla mano – afferma Castellani – abbiamo,
infatti, raccolto elementi estremamente significativi grazie alla somministrazione di un
questionario alle nostre cantine da cui estrapoliamo un fermo immagine che racconta di un
settore in forte difficoltà”.

Una grande responsabilità, quindi, per questa manifestazione che giunge alla sua VII
edizione. Costretta ad adeguare la logistica non cambia, però, lo spirito e conferma, infatti,
i suoi storici testimonial: Luca Martini, già sommelier Campione del Mondo; Francesco
Saverio Russo, Wine Educator e blogger di Wine Blog Roll, e Chiara Giannotti, Wine
Educator e fondatrice di Vino.Tv.

INDAGINE POST PANDEMICA PRODUTTORI ONLY WINE 2021

Il report qui presentato è stato creato grazie alle risposte dei produttori di vino che
hanno partecipato e che parteciperanno all’ Only Wine 2021.
Coloro che hanno risposto sono: il 69% uomini e 31% donne. Di questi, il 61,9 %
vendemmia dai 5 ai 7 ettari e il 33,3% dai 3 ai 5 ettari e il restante vendemmia fino
a 2 ettari.
I partecipanti di quest’anno provengono in egual misura dal Nord italia e dal Centro (41,9%), una quota inferiore invece coloro che provengono dal Sud (14%) e dalle
Isole ( 2,2%).
Ad avere avuto un calo di circa il 50% del fatturato sono quasi l’80% dei piccoli
produttori dell’Only Wine. Circa il 24% addirittura super anche il 50% nell’ultimo anno. La
maggior parte delle aziende ha da 0 a 5 dipendenti (85%) contro il 5,3% che supera i 10. Il
68% ha al vertice dell’azienda un uomo, contro il 31% che tinge di rosa la leadership. La
maggior parte ha appezzamenti da 5 a 7 ettari e si trova tra il Nord (42%), e il Centro
(42%) Italia. Solo il 13% viene dal Sud e il 2% dalle Isole. Per l’e-commerce non si sono
lasciati trovare impreparati perché ben il 76% ha avuto la possibilità di usufruirne, contro il
23,7% che ne ha dovuto fare a meno. La maggior parte di loro non ha avuto accesso ad
agevolazioni statati (52,6%) e per molti di loro l’assenza di turisti, la chiusura del mercato
Horeca e la confusione legata alle normative hanno creato non pochi problemi.
Per la metà di loro è la prima volta che partecipa all’OnlyWine e più del 71% lo vive come
una RINASCITA.

[Informativa a cura di Leeloo – informazione e comunicazione]

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleLazio Prezioso 2021
Next articleTutti i Premi del Concorso Enologico Internazionale Città del Vino