La migliore pizza del mondo si mangia in Brasile

Certo, fa un po’ strano, ma lo hanno decretato proprio loro, i pizzaioli!

Oltre mille pizzaioli da ben 56 nazioni hanno preso parte al contest più internazionale che ci sia dedicato alla regina degli impasti.

Ad aggiudicarsi il titolo Andrè Nevoso Guidon alla guida di Leggera Pizzeria Napoletana di San Paolo, Brasile. La celebre sfida tra le migliori pizzerie da tutto il mondo, a chiusura del calendario 2023 dell’Associazione, ha visto oltre mille pizzaioli veraci votare la propria pizzeria del cuore, che per la prima volta nella storia del contest è una pizzeria brasiliana. Un risultato sorprendente a conferma di come la verace pizza napoletana non abbia né confini né nazionalità, ma è un fenomeno che abbraccia ogni angolo del globo e che fa della qualità del prodotto e dell’arte del pizzaiolo il suo comune denominatore. A decretare il vincitore gli stessi colleghi pizzaioli provenienti da tutti i continenti: una giuria davvero unica al mondo che, come ogni anno, costituisce il quid in più del format.

Per scoprire la pizzeria vincitrice di questa nuova edizione si va oltreoceano. In seguito al primato di Napoli delle precedenti edizioni con Casa de Rinaldi e i predecessori Enzo Coccia di “La Notizia” nel 2014, Ciro Salvo di “50 Kalò” nel 2019 e Attilio Bachetti di “Pizzeria da Attilio” nel 2021, per questa edizione si lascia la patria della pizza per arrivare in Brasile, nel quartiere Perdizes di San Paolo. Da Leggera Pizzeria Napoletana regna la vera pizza della tradizione partenopea nonostante i chilometri di distanza. Forno a legna, impasto leggero, stesura a mano, mix di farine italiane e topping rigorosamente campani è tutto l’essenziale nella cucina di André Nevoso Guidon che, dal 2013, delizia il palato dei clienti di San Paolo e conquista ogni anno riconoscimenti internazionali dalle più influenti guide di settore.

“Un traguardo inaspettato quanto entusiasmante – racconta Andrè Nevoso Guidonche premia il nostro instancabile lavoro, una sconfinata creatività, tanta ricerca e un’immensa passione. Sono davvero orgoglioso di essere entrato a far parte dell’albo d’oro dei pizzaioli, insieme ai più grandi volti della pizza napoletana, soprattutto perché questo riconoscimento è il frutto delle votazioni dei miei colleghi pizzaioli i, che hanno apprezzato e premiato la passione che ogni giorno trasmettiamo nel nostro lavoro. Un titolo importante per me quanto per i miei colleghi qui in Brasile con i quali porto avanti, da più di dieci anni, il movimento brasiliano della vera pizza napoletana con l’obiettivo di divulgare il valore della pizza e avvicinare sempre più persone a questo straordinario prodotto”.

 

Best AVPN Pizzeria si conferma un contest dal carattere fortemente internazionale, che quest’anno ha toccato quota 56 nazioni, con l’ingresso di Bottega di Shanghai dei fratelli Salvo, prima pizzeria AVPN in Cina, ampliando ulteriormente i confini e accogliendo sempre più stili, gusti e personaggi dell’eterogeneo quanto affascinante mondo della pizza.

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleAll’origine della vite, un progetto in Georgia
Next articleLa Valle del Belìce e l’importanza di fare squadra