Maremma nuova frontiera: apre le sue porte GagiaBlu

L’azienda maremmana si presenta: GagiaBlu nasce nella mente mia e della mia famiglia nel 2008 quando abbiamo trovato nella Maremma il luogo dove esprimere la nostra passione per la terra. Dopo oltre dieci anni – dopo aver “costruito” un vigneto di circa 20 ettari che rispondesse esattamente alla nostra filosofia produttiva e aver studiato con cura il territorio- i vini di GagiaBlu sono stati presentati al grande pubblico a Vinitaly 2024 ed ora apriamo le porte della nostra cantina” ha raccontato Laura Mauriello, imprenditrice di origine lombarda titolare dell’azienda.

E’ ancora una volta la storia di imprenditori che, provenendo da altri settori, impegnano le loro risorse ed esperienze in un comparto come quello del vino.

Il progetto GagiaBlu

Il nome
“GagiaBlu racchiude le caratteristiche della Maremma, la nostra storia e la nostra visione. GagiaBlu è infatti uno dei tanti nomi che viene dato alla ghiandaia, uno degli uccelli più presenti in Maremma. Ed è proprio la gagia blu a frequentare per lunghi periodi dell’anno la grande quercia al centro del nostro vigneto, uno dei simboli della nostra azienda. Nonostante sia un uccello migratore, può decidere di rimanere per sempre in un luogo con la sua compagna nel caso in cui lo ritenga un habitat ideale” spiega Laura Mauriello. “Ed è quello che mi è successo: ho voluto far diventare questo bellissimo angolo della Maremma la nostra casa, la terra dove produrre i nostri vini”.

La Maremma
Fin dall’inizio nella cantina di GagiaBlu c’è stata la volontà di creare vini che potessero essere un’autentica e riconoscibile espressione di questo territorio, la Maremma, che gode di condizioni pedoclimatiche uniche grazie alla vicinanza al mare (a soli 9 km), ma anche all’influenza di numerose alture, a partire dal monte Amiata che la protegge alle spalle.

I vtigni
I 20 ettari della tenuta sono oggi caratterizzati da quattro vitigni che esprimono il carattere di questo lembo di Maremma: il Sangiovese, il Merlot, il Ciliegiolo e il Vermentino. Nella gestione di questi vigneti GagiaBlu si avvale dell’aiuto dell’agronomo Domenico Saraceno ed in cantina dell’enologo Gabriele Gadenz che fin da subito hanno sposato la filosofia produttiva della famiglia.
“Puntiamo alla potenza espressiva dei nostri vini affinché si possano raccontare attraverso l’eleganza e la bevibilità. Il tutto senza dimenticare la storia della Maremma grossetana che proprio qui a Roselle trasuda della determinante influenza etrusca e che nel tempo, grazie alla straordinaria bonifica del 1800, è riuscita a costruirsi un’identità agricola di grande vitalità” aggiunge Laura Mauriello.

I Vini
Frà Merlot, merlot 100% Toscana Igt
Giovè, sangiovese 100% Toscana Igt
Vermentino, vermentino 100% Toscana Igt
Spumante metodo Classico Nature Rosè

Olio extravergine di oliva

POGGIO ULIVI s.s.a.
Strada provinciale dei Laghi – Roselle, Grosseto
www.gagiablu.it

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleIn Alta Badia torna Roots of Excellence dal 27 al 29 luglio
Next articlePiccolo è Bello – Domenica 9 giugno nel centro storico di Catania