Canto II: quando la birra incontra la cassata siciliana

L’ultima creazione del Birrificio Epica dedicata al dolce più rappresentativo della tradizione siciliana
I profumi, i sapori e le tradizioni di una terra racchiusi in una birra. Si tratta di Canto II, l’ultima nata in casa del Birrificio Epica, giovane realtà con sede a Sinagra (ME) che basa la sua attività sulla voglia di fare rete e su una filiera corta e sempre più controllata e sostenibile, dalla forte connotazione territoriale. È così che, con l’aggiunta degli ingredienti del dolce più rappresentativo della tradizione siciliana, la Cassata, prende vita questa birra artigianale.

Canto II è una Cassata Imperial Stout barrel aged, birra poderosa (alcol 10,5% vol.), ai cui ingredienti base sono stati aggiunti: grue (granelle) di cacao, lattosio, ma soprattutto i canditi tipici siciliani dell’azienda Corsino di Palazzolo Acreide (SR).

“In Sicilia gli avvenimenti importanti si festeggiano sempre con una buona Cassata. Epica ha deciso di festeggiare il traguardo del lotto 500 dedicando la birra proprio alla Cassata siciliana” – affermano i soci Elio, Piero e Carmelo.

Questa birra prosegue il progetto di crescita di Epica, convertito da poco più di un anno a birrificio agricolo, e il suo impegno per lo sviluppo del territorio anche attraverso la collaborazione con realtà locali e la valorizzazione dei prodotti tipici, come già accaduto ad esempio per Pan, birra stagionale prodotta con le nocciole dei monti Nebrodi. La stessa volontà che ha spinto Elio, Piero e Carmelo ad affittare dei terreni proprio sui Nebrodi, l’area dove attualmente sorge l’azienda, al fine di iniziare una coltivazione di luppolo e spezie da utilizzare nelle birre: “Epica è la nostra personale scommessa: rimanere in Sicilia per valorizzare il nostro territorio e per combattere lo spopolamento dei monti Nebrodi. In questo senso riteniamo che la nostra birra incarna il concetto di resilienza di chi, come noi, ha deciso di restare nel proprio territorio con iniziative imprenditoriali.”

Ad Epica tutto parla di Sicilia, anche la scelta di utilizzare per le proprie birre nomi fortemente legati alla storia e alla mitologia di questo territorio. La filosofia di questa azienda si fonda sul presupposto che tutto è possibile e che anche la Sicilia, terra dalla millenaria vocazione vinicola, può diventare un luogo di produzione di birra d’eccellenza. Per questo motivo, alla voglia di valorizzazione il territorio si aggiunge l’impegno del birrificio per ottenere e selezionare materie prime di qualità per produrre le proprie birre.

Canto II è una dedica alla Cassata siciliana, è una birra in edizione limitata, fermentata in acciaio con un ceppo di lievito inglese e successivamente maturata per sei mesi in botti di whisky scozzese (Caol Ila e Linkwood), infine rifermentata leggermente in bottiglia seguendo la tradizione britannica. Al naso si caratterizza da sentori di torrefatto che si equilibrano con ricordi di cacao, canditi e vaniglia. Il passaggio in botte dona morbidezza al sorso, facendone una birra molto complessa senza perdere equilibrio e bevibilità.

Il Birrificio Artigianale Epica nasce dalla passione per la birra di tre amici, diventati poi soci: Elio, Piero e Carmelo. La loro avventura, cominciata nel 2010 da homebrewers su un piccolo impianto in cantina, si è tramutata negli anni in una grande professione per il proprio lavoro, con la nascita ufficiale nel 2013 del birrificio in contrada Filippello a Sinagra (ME), portandoli a vincere la scommessa di rimanere in Sicilia per combattere lo spopolamento dei Monti Nebrodi.

www.birraepica.it.

[Informativa a cura di Ufficio stampa Buono Factory]

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleCantina Tollo / Abruzzo Dop Cococciola 2021
Next articleUvaFiera 2022: beviamola in purezza