La solidarietà si coltiva. E darà molti frutti

Adotta una vigna con AIS Veneto, è un progetto sociale a sostegno di persone fragili, e allo stesso tempo un percorso didattico per i sommelier della regione.

Tutto nasce ne La Fattoria Sociale Casa Anna, alle porte di Mestre, un luogo nato per accogliere persone con disabilità diverse, che hanno la possibilità di lavorare nella natura in una vera e propria azienda agricola autosufficiente, e dove i loro prodotti, biologici, vengono venduti sul mercato e impiegati nella ristorazione del ristorante. Sede di iniziative ed eventi culturali, didattici, enogastronomici, Casa di Anna è un luogo di incontro aperto a tutti.

Con Adotta una vigna con AIS Veneto inizia la collaborazione concreta, che vedrà impiantato all’interno della fattoria sociale un vigneto di muscaris, una varietà PIWI. Gestita dagli ospiti di Casa Anna, la vigna costituirà anche una palestra per la formazione teorica e pratica dei Sommelier, che potranno essere parte attiva nella coltivazione delle piante, potranno partecipare alle attività e alla formazione sul campo, vedere nel corso del tempo il ciclo di vita della vite attraverso le webcam installate nel vigneto, e avranno la possibilità di frequentare una grande palestra per l’olfatto: il grande orto giardino che ospita oltre 100 diverse piante aromatiche.
Adotta una vigna con AIS Veneto è un’iniziativa riservata ai soci AIS della regione. Per ulteriori informazioni consultare il sito we.aisveneto.it/evento/1780.

[Info Studio Cru]

Print Friendly, PDF & Email
+ posts

Giornalista, Sommelier, ha lavorato al Gambero Rosso per oltre 10 anni come giornalista, degustatrice per la Guida ai Vini d’Italia, autore e regista dei servizi televisivi per il Gambero Rosso Channel, autore di libri su vino, cucina e turismo. Ha partecipato al progetto di rilancio del brand Franciacorta e nel 2006 ha fondato Vinotype, un’agenzia di comunicazione specializzata per le Aziende vitivinicole. Nel 2010 ha lanciato il magazine on line Vinotype.it.

Previous articleIGM, il “sistema” che racconta i vini italiani all’estero
Next article