Cantina Tollo / Abruzzo Dop Cococciola 2021

Fondata nel 1960, la Cantina Tollo è un importante presidio economico sociale e produttivo della provincia di Chieti che ha tra i suoi 700 soci, anche viticoltori pescaresi e teramani.
La presenza nel territorio di una cantina sociale che si è sempre posta degli obiettivi di crescita ambiziosi e si è voluta cimentare con la produzione del vino di qualità imbottigliato, ha permesso non solo di remunerare al meglio i soci, ma ha favorito il ricambio generazionale tra i vigneti che altrimenti sarebbero stati abbandonati.
Complessivamente i vigneti si estendono per 2700 ettari suddivisi in piccole proprietà che mediamente si aggirano su 3,0/3,5 ettari.
La vocazionalità delle terre collinari situate tra il mare – la Costa dei Trabocchi è a pochi chilometri- e i rilievi montuosi della vicina Maiella con il suo Parco nazionale, ha creato un ambiente che favorisce la finezza e la freschezza dei vini. Caratteri che grazie al rapporto tra lo staff tecnico della cantina (agronomi, enologi, ecc.) e i viticoltori associati, sono stati sempre più evidenziati nei vini nel corso degli anni.
Decisivo è stato l’apporto di un ampio progetto di zonazione condotto dal prof. Attilio Scienza dell’Università di Milano che è servito da messa a punto del progetto vitivinicolo aziendale.

Presidente – Tonino Verna

Oggi i vini di Tollo (Trebbiano, Montepulciano e Cerasuolo d’Abruzzo, per lo più) sono declinati in varie linee commerciali – il fatturato 2020-2021 è stato di 41,9 milioni di euro – che riescono a soddisfare necessità e mercati diversi tanto da essere esportati in 50 paesi del mondo.

Il prossimo progetto, lanciato dal presidente della Cantina Tollo, Tonino Verna, che coinvolge l’intero territorio è di far entrare la pergola abruzzese – la forma di allevamento tradizionale – nella lista Unesco dei patrimoni immateriali dell’umanità. Un percorso lungo e difficile, per certi versi analogo a quello percorso con l’alberello pantesco che dal 2014 è entrato far parte dei patrimoni dell’umanità.

Abruzzo Dop Cococciola 2021
La varietà cococciola è per lo più presente nella provincia di Chieti e sino a non molti anni fa veniva vinificata insieme ad altre varietà a bacca bianca ( pecorino, ecc.) presenti nel vigneto, dove il Trebbiano era predominante.
Matura nella seconda decade di settembre e preferisce sistemi d’allevamento a media espansione e potatura di media lunghezza
Attualmente in Abruzzo è una Denominazione di origine ma come Igt è presente nelle altre province abruzzesi e anche in Puglia (Daunia, Murgia e Valle d’Itria).

Vinificazione
Dopo la pigiadiraspatura e la criomacerazione, la pigiatura avviene molto delicatamente. Alla decantazione del mosto segue la fermentazione in vasche di acciaio inox a temperatura controllata. Il vino, che non effettua la fermentazione malolattica, rimane sui lieviti per 3 mesi. La produzione è stata di circa 13.000 bottiglie

La degustazione
Nonostante l’andamento stagionale 2021 sia stato caratterizzato da temperature elevate, la Cococciola ha reagito in modo eccellente con una maturazione ottimale e mantenendo inalterati i livelli di acidità e in generale di freschezza.

Il vino ha un colore paglierino con accentuati riflessi verdolini; all’olfatto presenta profumi delicati di gelsomino, di pesca a polpa bianca con una nota tropicale finale; in bocca è secco, fresco, equilibrato, di buona persistenza, piacevole. E’ un vino semplice, ma non banale, che permette di conoscere e apprezzare il mondo semisconosciuto delle uve bianche abruzzesi al di fuori del Trebbiano o del Pecorino. 13% vol.

Punteggio 88/100
Prezzo medio: Euro 10,00

Cantina Tollo
Viale Garibaldi, 68
66010 Tollo (CH)
Tel. +39 0871 96251
info@cantinatollo.it
www.cantinatollo.it/

Nota
Cantina Tollo ha dato vita anche a Feudo Antico e Auramadre. La prima è un’azienda che distribuisce solo i vini Tullum, denominazione locale nata nel 2008 e dal 2019 Docg, che promuove varietà locali come Passerina, Pecorino, Montepulciano. Auramadre, nato nel 2019 con una superficie di 200 ettari, è il progetto di Cantina Tollo che promuove la viticoltura e il vino biologico con offerta multiregionale e multiprodotto.

Andrea Gabbrielli

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleCantine di Verona, un nuovo gruppo cooperativo
Next articleCanto II: quando la birra incontra la cassata siciliana