Maternigo Amarone della Valpolicella Ris. 2016 F.lli Tedeschi

La famiglia Tedeschi da oltre 400 anni può vantare un legame con la Valpolicella.
Si tratta di una lunga storia che ha permesso di accumulare conoscenze e di interpretare questo territorio in modo assolutamente originale. Infatti, specialmente in epoca moderna, lo stile aziendale dei vini ha acquisito una personalità talmente spiccata da rendersi facilmente riconoscibile per eleganza, equilibrio, espressività, da diventare uno dei riferimenti della Valpolicella.
Uno stile lungimirante per natura, sin dai primi anni ’60, quando Lorenzo Tedeschi decise di vinificare separatamente le uve del vigneto Monte Olmi per dare origine ad uno dei primissimi cru della Valpolicella.
Oggi Monte Olmi è il vino emblema dell’azienda e del territorio.
I Tedeschi come produttori da secoli di Valpolicella, Amarone e Recioto, accanto alle uve Corvina, Corvinone e Rondinella, coltivano anche piccole percentuali di cultivar meno note ma altrettanto tradizionali come l’Oseleta, la Dindarella, la Negrara, la Rossignola e la Forselina. “Abbiamo svelato il carattere delle nostre viti e adesso sappiamo come gestirle.” dice Riccardo Tedeschi

La Tenuta Maternigo
La Tenuta è una delle chiavi di volta per capire come l’azienda interpreta i vini della Valpolicella.

Maternigo (terra della madre) deve il nome ad una struttura che nell’antichità accoglieva le ragazze partorienti. La proprietà, acquistata nel 2006, complessivamente si estende per 84 ettari (di cui oggi 31 vitati), situati tra i comuni di Tregnago e di Mezzane di Sotto, nella zona Valpolicella Doc. La tenuta ha diverse esposizioni e si estende ad un’altitudine compresa tra i 300 e i 400 metri s.l.m. I suoli sono calcareo marnosi, di colore grigio-rosato, dotati di abbondante scheletro anche in superficie.

Maternigo Amarone della Valpolicella Riserva 17% vol.
La Riserva nasce da uve coltivate nel vigneto Barila della Tenuta Maternigo, vigneto selezionato per la bassissima vigoria e per le uve particolarmente ricche in struttura dove la densità di ceppi è di 5500 piante per ettaro, con un’età di 12 anni e una produzione limitata a 80 q.li/ettaro. Il vino nasce solo in annate particolari, da uve Corvina (40%), Corvinone (40%), Rondinella (20%), vendemmiate a fine settembre.  L’appassimento delle uve dura circa 100 giorni con il controllo dell’umidità nel fruttaio. Poi la pigiatura soffice, la  fermentazione alcolica (40 giorni) a 15°C. e la macerazione (90 giorni). L’affinamento avviene per 48 mesi in botti di rovere di Slavonia a cui segue l’assemblaggio, l’imbottigliamento e ulteriori 12 mesi in bottiglia. Produzione: 6600 bottiglie

La degustazione
Ha colore rubino intenso; all’olfatto ricche e profonde note speziate, di frutta rossa (prugna, lampone in primis) con un ricordo di caffè nel finale. In bocca è secco, perfettamente equilibrato, caldo. I tannini sono morbidi, avvolgenti, vellutati. La struttura è molto importante e la persistenza è assai lunga con un piacevole ritorno fruttato. Un Amarone Riserva eccellente che si beve con facilità grazie ad una sensazione di freschezza non sempre scontata in vini di tale prestanza (17% vol.).
Punteggio: 95/100
Prezzo medio: Euro 110,00

 

Soc. Agricola F.lli Tedeschi
Via Giuseppe Verdi, 4/a
37029 Pedemonte di Valpolicella (VR)
Tel +39 045 7701487
info@tedeschiwines.com
www.tedeschiwines.com

Note
In Valpolicella il clima particolarmente favorevole ha permesso il diffondersi dell’ulivo insieme alla vite. Le olive raccolte nella Tenuta di Maternigo, nel comune di Mezzane di Sotto, tra le colline della Valpolicella, danno vita ad un pregiato EVO da drupe di Favarol, Grignano, Frantoio, Leccino, Pendolino. La brucatura avviene a mano a cui segue la defogliazione e il lavaggio con acqua. Macinazione con molazze ed estrazione con sistema discontinuo. Pressatura a cui segue  la centrifugazione per separare l’olio dall’acqua di vegetazione. Infine filtrazione con cotone prima dell’imbottigliamento. Maternigo è un olio fruttato con fragranze mandorlate.

Andrea Gabbrielli

Print Friendly, PDF & Email
+ posts
Previous articleIl primo Metaverso dedicato al vino
Next articlePresentata la lista dei 130 produttori di OperaWine/Vinitaly