A Roma, il bilancio 2020-2021 delle Famiglie Storiche dell’Amarone

Se nel 2020 sono state vendute 2.300.000 bottiglie di Amarone de Le Famiglie Storiche (prezzo medio di 35,20 euro a bottiglia) di cui il 36 % destinate all’Italia e il 67 % destinate ai mercati internazionali,  in questi primi 10 mesi del 2021 le vendite in Italia sono cresciute del +56% sul 2020 e del +17% sul 2019 (prima della pandemia). Anche l’export presenta valori positivi: +48% sul 2020 e +31% sul 2019, considerando come primi 4 Paesi di destinazione Canada, USA, Svizzera e i Paesi Scandinavi.
Sono questi i risultati dell’associazione, fondata nel giugno 2009, da un gruppo di storiche cantine della Valpolicella (Allegrini, Begali, Brigaldara, Guerrieri Rizzardi, Masi, Musella, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant’Antonio, Tommasi, Torre D’Orti, Venturini e Zenato) illustrati a Roma, presso l’Hotel Villa Laetitia, di proprietà della famiglia Fendi Venturini.  La serata si è aperta con la proiezione di un filmato intitolato “Le Famiglie Storiche – Un racconto sull’Amarone” nel quale gli esponenti di tutte le cantine associate intervengono per approfondire la storia, la cultura e i modi di produzione dell’Amarone della Valpolicella,  una mission di valorizzazione del territorio e del vino che è la base fondante e qualificante del Famiglie Storiche. Durante la cena, dedicata alla stampa di settore, il ristorante interno Enoteca La Torre con lo chef Domenico Stile, ha proposto un menù in abbinamento agli Amarone delle aziende in degustazione.

Annunciati anche i programmi del 2022. Le Famiglie Storiche, pandemia permettendo, hanno in agenda soprattutto l’estero: nel primo semestre al di là del Vinitaly di aprile, in Europa hanno in programma in particolare la Germania, la Svizzera e i Paesi Scandinavi, nazioni che tradizionalmente apprezzano gli Amarone delle Famiglie. Nella seconda metà dell’anno confidano di poter tornare a frequentare i mercati asiatici e quindi organizzare attività promozionali in quest’area, con particolare riferimento alla Cina.

Print Friendly, PDF & Email
+ posts
Previous articleSan Leonardo 2001 Tenuta San Leonardo
Next articleNoi di Sala: una guida alla migliore accoglienza