Sergio Zingarelli tra i produttori simbolo del Gallo Nero / L’intervista su winenews.it

Sergio Zingarelli alla Chianti Classico Collection 2020

Intervista al patron di Rocca delle Macìe, Sergio Zingarelli, durante la Chianti Classico Collection 2020 appena conclusasi.

Da winenews.it, 18 febbraio 2020, “Tra la Firenze del Rinascimento e la Siena del Medioevo, il Chianti Classico” su WineNewsTV.

Un viaggio nel territorio del vino più bello del mondo tra fascino e mercati, nelle parole, a WineNews, dei produttori simbolo del Gallo Nero.

“Su cosa deve investire il Chianti Classico per crescere ancora nel prossimo futuro?”, è la domanda del giornalista Alessandro Regoli.

La parola a Sergio Zingarelli dal minuto 14:04 del video che trovate al seguente link:
https://winenews.it/it/tra-la-firenze-del-rinascimento-e-la-siena-del-medioevo-il-chianti-classico_410503/

Il quartier generale di Rocca delle Macìe a Castellina in Chianti
Il quartier generale di Rocca delle Macìe a Castellina in Chianti

“Bisogna continuare secondo me su questa strada”, esordisce Sergio Zingarelli, “facendo conoscere sempre di più i nostri vini che sono eccezionali e che non hanno niente da invidiare a nessun altro vino in Italia e nel Mondo e che sicuramente ormai si posizionano tranquillamente fra i vini più importanti e più apprezzati.
Bisogna cercare per il Chianti Classico anche di dar maggior valore e spazio alle introduzioni che abbiamo fatto nel nostro disciplinare, soprattutto la Gran Selezione che comunque è il traino della nostra denominazione.

Vigneto di Rocca delle Macìe a Castellina in Chianti
Continuare a lavorare così, puntare molto sui mercati maturi ma anche continuare a fare un lavoro di educazione e conoscenza sui mercati, ormai neanche emergenti ma dei mercati potenzialmente molto interessanti.
Adesso chiaramente in questo momento stiamo vivendo tutti questo problema asiatico, soprattutto concentrato in Cina, speriamo che sia passeggero anche perché in Cina si stavano iniziando a muovere i primi passi molti importanti per il Chianti Classico”.

 

Print Friendly, PDF & Email