Io bevo italiano. E tu? / di Rosanna Ferraro

Chiusura forzata di ristoranti, bar, enoteche. Crollo delle vendite dei vini. Un settore in ginocchio. Sono in gioco 1,3 milioni di posti di lavoro. Anche questo è l’emergenza Covid-19.

In questo periodo di sosta forzata in casa stiamo, chi più chi meno, riscoprendo dei ritmi nuovi, o dimenticati, il piacere di stare a tavola e bere una buona bottiglia senza le temute prove del palloncino.

E allora beviamo italiano.

I nostri prodotti sono di altissima qualità e spesso a prezzi più che ragionevoli.

Consumiamo prodotti regionali, che richiedono meno spese per i trasporti.

Consumiamo prodotti provenienti da altre regioni per fare quei viaggi che adesso ci sono proibiti, ma che presto potremo riprendere e con maggior consapevolezza e forse anche con miglior cultura.

Beviamo italiano perché anche così possiamo imporre l’immagine di una nazione rispettosa e consapevole della propria ricchezza.

Beviamo italiano, per aiutare le nostre aziende a uscire presto da questa crisi.

 

Rosanna Ferraro, sono l’ideatrice di Vinotype, giornalista, diplomata sommelier all’Ais Associazione Italiana Sommelier nel 1993, ho lavorato al Gambero Rosso per oltre 10 anni come giornalista, degustatrice per la Guida ai Vini d’Italia, autore e regista dei servizi televisivi per il Gambero Rosso Channel, responsabile del Wine bar della Città del Gusto a Roma, autore di libri su vino, cucina, turismo. Nel 2003 la prima svolta radicale, mi trasferisco a Erbusco, presso il Consorzio Franciacorta per sviluppare un progetto triennale di rilancio del  suo brand. Nel 2006 rientro a Roma e fondo Vinotype, un’agenzia di comunicazione specializzata per le Aziende vitivinicole. La mia offerta: ufficio stampa, PR, organizzo eventi, creo contenuti per siti e gestione dei social media per chi voglia rilanciare o mantenere alto il posizionamento del proprio marchio grazie anche alla capacità di diffusione di vinotype.it.

La sezione del sito Vinotype Magazine nasce come spazio indipendente per l’approfondimento della cultura enogastronomica.

 

Print Friendly, PDF & Email