Il Barolo Bussia di Amalia Cascina in Langa tra i migliori assaggi dell’annata 2015 per il critico danese Thomas Rydberg

Barolo Bussia 2015 tra i migliori 2015 in Danimarca

Il Barolo Bussia 2015 di Amalia Cascina in Langa è tra i migliori assaggi di Barolo vendemmia 2015 per il critico danese Thomas Rydberg, caporedattore della rivista DinVinGuide e autore della guida vini VinGuiden, di cui è appena uscita l’edizione 2020.

Lo si scopre leggendo “De nye årgange fra Piemonte – Barolo” pubblicato su www.spritnyt.com

Il Barolo Bussia 2015 della famiglia Boffa si inserisce con un alto punteggio, 93 centesimi, nell’elenco di trentadue referenze di Barolo 2015 selezionate dal giornalista danese per i suoi connazionali.

Un risultato che si allinea con gli altri riscontri positivi della critica di settore nazionale ed internazionale per casa Boffa, e conferma quindi il successo del “progetto Bussia”  iniziato con la vendemmia 2013.

A partire da quella annata i Boffa decisero che le uve provenienti dal vigneto Fantini di proprietà, alla Bussia di Monforte d’Alba, sarebbero state destinate alla produzione del cru Barolo Bussia 2013 di Amalia Cascina in Langa. Il Barolo Bussia sarebbe stato prodotto solo nelle annate migliori, tant’è che nella vendemmia successiva, non ritenendo il prodotto della alta qualità richiesta per un imbottigliamento dedicato, è confluito nel Barolo annata.

Ed ecco quindi che con la stagione 2015, che ha avuto un andamento climatico rispettoso per una produzione di uve nebbiolo di alta qualità, è stato prodotto il secondo imbottigliamento del cru Bussia di Amalia. Scelta evidentemente ottima, visto quanto riportato anche nelle note di Thomas Rydberg di cui vi proponiamo la traduzione:

[..] Det var 2015 årgangen, som senest blev præsenteret. På papiret en fremragende årgang, og det viste hovedparten af vinene også. 2015 startede med en våd vinter med masser af sne, hvilket betød, at vandreserverne blev godt fyldt op. Foråret var lunt med en tidlig knopskydning og blomstring midt i maj. Juni og juli var meget varme måneder med temperaturer over 30 grader stort set hver dag. Men ingen stress blandt vinstokkene, da vandreserverne var store. Høsten foregik uden regn og omkring 8-10 dage tidligere end normalt. Kvantiteten var god, og man kunne derfor tillade sig at grønhøste for at sikre bedre kvalitet af druerne. Kvaliteten er helt i top, og 2015 vurderes som en af de bedste i Piemonte for mange år. En årgang på mange måder som 2010 og 2011. [..]

ossia

[..] L’annata 2015 è quella che è stata presentata più di recente. Sulla carta un’annata eccellente, così come la maggior parte dei vini. Il 2015 è iniziato con un inverno umido con molta neve, il che significa che le riserve idriche erano ben fornite. La primavera è stata calda con germogliamento precoce e fioritura a metà maggio. Giugno e luglio sono stati mesi molto caldi con temperature superiori ai 30 gradi praticamente ogni giorno. Ma nessuno stress tra le viti in quanto le riserve d’acqua erano copiose. La raccolta è avvenuta senza pioggia e circa 8-10 giorni prima del solito. La quantità era buona e la vendemmia verde ha quindi potuto consentire una migliore qualità delle uve. La qualità è di prim’ordine e il 2015 è considerata una delle migliori annate in Piemonte. Un’annata come la 2010 e la 2011. [..]

Print Friendly, PDF & Email

Giornalista, Sommelier, ha lavorato al Gambero Rosso per oltre 10 anni come giornalista, degustatrice per la Guida ai Vini d’Italia, autore e regista dei servizi televisivi per il Gambero Rosso Channel, autore di libri su vino, cucina e turismo. Ha partecipato al progetto di rilancio del brand Franciacorta e nel 2006 ha fondato Vinotype, un’agenzia di comunicazione specializzata per le Aziende vitivinicole. Nel 2010 ha lanciato il magazine on line Vinotype.it.

Previous articleCresce la qualità del Frascati / su cucinaevini.it
Next articleFederBio e Unione Italiana Vini siglano un’intesa per la tutela e la valorizzazione del settore vitivinicolo biologico italiano