Il “gigante buono” del Western all’italiana beveva Chianti Classico / Terra Nostra-IlSole24Ore

western

Dal blog Terra Nostra di Nicola Dante Basile su IlSole24Ore, 28 giugno 2016, “Bud Spencer, il “gigante buono” del Western all’italiana che mangiava non solo fagioli e beveva Chianti classico”

[..] Carlo Pedersoli, in arte Bud Spencer, aveva 86 anni. La sua carriera di attore ha inizio grazie all’incontro, nei primi anni ’70, con il produttore cinematografico Italo Zingarelli – tra i primi a credere nel nuovo genere di “Western all’italiana”, con protagonisti la”coppia” Bud Spencer e Terence Hill -, nonché fondatore dell’azienda vinicola Rocca delle Macìe di Castellina in Chianti, tra le più rappresentative per la produzione di Chianti classico.

L’amico Sergio Zingarelli, figlio di Italo e presidente dell’azienda vinicola, ha scritto per “TerraNostra” un simpatico ricordo del grande (in tutti i sensi) attore.

di Sergio Zingarelli

Bud Spencer e Italo ZingarelliCaro Nicola Dante, mio padre Italo, prima di fondare l’azienda Rocca delle Macìe, è stato il produttore cinematografico che nei primi anni ’70 lanciò la coppia formata da Bud Spencer – con quel personaggio sempre burbero e un po’ ingenuo che si chiamava “Bambino”- e Terence Hill.

Il primo film, “Lo chiamavano Trinità”, sarebbe diventato un classico della cinematografia Italiana. E con il successivo, “Continuavano a chiamarlo Trinità”, si rivelerà il maggior successo commerciale della storia del cinema italiano.
Carlo era laureato in giurisprudenza, e il desiderio di vedere un mondo più giusto lo ha sempre accompagnato nella vita. Anche i personaggi che interpretava, sebbene un po’ arruffati e scombinati, comunicavano questo suo desiderio. Erano un’espressione della sua anima, forse proprio per questo è entrato nel cuore di tutti.

Lui era come si vede nei film, sempre pronto a sorridere, anche se quel suo corpaccione così grosso poteva mettere paura. Ma bastava ascoltarlo un attimo e tutti si rendevano conto di chi avessero davanti. Ed era sempre pronto a ridere e a scherzare.

In quegli anni là lo vedevamo molto spesso, sia sul “set” che in azienda, a Castellina. Di lui conservo il ricordo di un uomo buono, disponibile, protettivo e aveva un “rapporto allegro” con la tavola. Come del resto l’aveva anche mio padre. [..]

[Qui l’intero articolo]

 

Print Friendly, PDF & Email

Giornalista, Sommelier, ha lavorato al Gambero Rosso per oltre 10 anni come giornalista, degustatrice per la Guida ai Vini d’Italia, autore e regista dei servizi televisivi per il Gambero Rosso Channel, autore di libri su vino, cucina e turismo. Ha partecipato al progetto di rilancio del brand Franciacorta e nel 2006 ha fondato Vinotype, un’agenzia di comunicazione specializzata per le Aziende vitivinicole. Nel 2010 ha lanciato il magazine on line Vinotype.it.

Previous articleIl Piemonte del vino attraverso lo sguardo di un artista
Next articleFioranello Rosso 2014 Tenuta di Fiorano