Best of Show: Sergioveto Ch. Cl. Ris. 2016 di Rocca delle Macìe

Il Chianti Classico Riserva Sergioveto 2016 di Rocca delle Macìe è Best of Show, ovvero il migliore per la categoria Chianti Classico Riserva, per Mundus Vini Spring 2021.

Quasi 3.000 vini da tutto il mondo sono stati premiati al 28° Premio Internazionale del Vino MUNDUS VINI a Neustadt an der Weinstrasse. La giuria di esperti quest’anno ha degustato alla cieca 7.300 vini di 39 paesi viticoli del mondo in un totale di 20 giorni di degustazione, suddivisi in piccoli gruppi: una giuria internazionale qualificata composta da enologi, viticoltori, rivenditori specializzati, sommelier e giornalisti del settore.

MUNDUS VINI è una delle più importanti competizioni enologiche al mondo. Obiettivo del Concorso è promuovere la qualità e la commercializzazione dei vini partecipanti. Il Premio intende offrire a produttori, viticoltori, importatori e consumatori una piattaforma ideale che consenta di paragonare fra loro i vini partecipanti, di offrire un valido strumento di decisione e di orientamento per l’acquisto e di raggiungere il grande pubblico. Ciò che per il consumatore è un utile strumento di orientamento, rappresenta per il produttore la conferma del suo operato. Il produttore ha l’opportunità di misurare i propri standard nel confronto internazionale ed i premi ricevuti costituiscono un prestigioso strumento di marketing dei prodotti.

Informazioni sul vino:

Chianti Classico Riserva 2016
Sergioveto
Classe 1985, nasce come omaggio di Italo al figlio Sergio che proprio in quell’anno iniziava ad affiancarlo nella conduzione dell’azienda. Sergioveto rimanda anche al Sangioveto, il nome arcaico del Sangiovese, uva scelta per il nuovo vino. Dalla vendemmia 2015 si fregia della denominazione Chianti Classico Riserva e torna ad essere 100% Sangiovese prodotto dal singolo vigneto Pian Della Casina.

Andamento Stagionale
L’inverno 2015/2016 è stato molto mite ed ha fatto registrare una sola settimana con temperature più rigide, generando quindi un’anticipazione nella fase di risveglio delle piante. Il germogliamento si è manifestato i primi giorni di aprile e la primavera è proseguita fresca e piovosa con attività delle piante molto pronunciata. Anche le successive fasi del ciclo della vite sono state molto accelerate dalle condizioni meteo e dal vigore delle piante fino ad arrivare alla pre-chiusura dei grappoli in quasi tutti i vigneti già al 22 giugno, quando è arrivata l’estate a tutti gli effetti. Le uniche piogge estive importanti si sono manifestate attorno al 25 di giugno, dopodiché il caldo e la buona stagione sono andati avanti fino a fine agosto quando sono arrivate alcune piogge che hanno dato sollievo alle piante. A Castellina in Chianti la vendemmia è iniziata il 5 settembre ed è poi andata avanti molto scalarmente in base alla precocità o meno dei vitigni e delle varie esposizioni dei vigneti. Attorno al 15 settembre si è registrata una nuova pioggia, circa 50 mm, che ha aiutato in modo particolare i vitigni che ancora non avevano raggiunto il perfetto grado di maturazione. Le selezioni delle uve di sangiovese sono iniziate a partire dal 26 settembre e si sono protratte fino alla prima decade di ottobre. Le uve hanno raggiunto un ottimo livello di maturità, rivelando un eccellente potenziale sin dalle prime fasi della fermentazione. La vendemmia si è conclusa 13 di ottobre.

Caratteristiche del vigneto
Superficie del vigneto 5.63 ha
Vitigni Sangiovese 100%
Zona di produzione Castellina in Chianti – località le Macie – Vigneto Pian della
Casina
Altitudine media 365-340 slm
Esposizione principale sud
Tipologia di terreni Depositi Miocenici, calcari marnosi, argilloso – sabbioso, alcalino, molto calcareo e ricco di scheletro (Alberese).
Sistema di allevamento Cordone speronato
Sesto di impianto 2,40 m x 0,70 m
Densità d’impianto 6.000 ceppi/ha
Anno d’impianto 2000
Resa per ettaro 50 q.li
Resa uva per pianta 0.8/1.00 kg
Portinnesti 110 R – 1103 P
Selezioni clonali SS-F9-A5-48, VCR 24, VCR 23, VCR 19, VCR 30

 

Print Friendly, PDF & Email