Amalia Cascina in Langa produce Barolo di alta vocazione secondo i degustatori di Bibenda

Barolo

I Barolo e i vini di Amalia Cascina in Langa sono presenti nella Guida Bibenda 2017 a testimonianza del “talento italiano” nel produrre del buon vino nei posti più vocati della Penisola. Con la famiglia Boffa, siamo a Monforte d’Alba, estremità meridionale della Langa del Barolo.

Ottimi i consensi ottenuti dal Barolo Le Coste di Monforte 2011 che si afferma come “vino di grande livello e spiccato pregio” conquistando il riconoscimento dei 4 Grappoli: “Granato intenso luminoso. Barolo di alta vocazione, fiorito e raffinato di rosa e violetta ancora integre. Naso che si afferma nella distanza con soffi di confetture di ciliegie, cioccolato fondente e pepe nero. L’assaggio è sapido e morbido, di ottimo equilibrio. Tannini fitti e ben ripartiti. Gustoso e di lunga persistenza sapida. Prima annata prodotta nel 2010. Età delle vigne 31 anni. Matura 24 mesi in botte grande“.

4 Grappoli anche per il Barolo 2011: “Granato. Eccellente qualità olfattiva nei ricordi di rosa e viola appassite, frutta rossa matura, foglie bagnate e atmosfera da sottobosco. Profumi raffinati di spezie in chiusura. Sorso potente e ricco con grinta sapida a bilanciare il tutto. Persistente. Età delle vigne tra 11 e 31 anni. Prima annata prodotta nel 2003. Matura 24 mesi in botte grande“.

Risultati lusinghieri anche per gli altri vini dell’azienda: il Langhe Rossese Bianco 2014, la Barbera d’Alba Superiore 2013, il Dolcetto d’Alba 2014 e la Barbera d’Alba 2015 si affermano come “vini di buon livello e particolare finezza”.

Print Friendly, PDF & Email
+ posts

Giornalista, Sommelier, ha lavorato al Gambero Rosso per oltre 10 anni come giornalista, degustatrice per la Guida ai Vini d’Italia, autore e regista dei servizi televisivi per il Gambero Rosso Channel, autore di libri su vino, cucina e turismo. Ha partecipato al progetto di rilancio del brand Franciacorta e nel 2006 ha fondato Vinotype, un’agenzia di comunicazione specializzata per le Aziende vitivinicole. Nel 2010 ha lanciato il magazine on line Vinotype.it.

Previous articleTenuta di Fiorano: Roma-Tokyo andata e ritorno con il Gambero Rosso
Next articleVini del Piemonte parte da Roma il tour mondiale 2017