Da Grano nel rione Sant’Eustachio a Roma

Quello di Sant’Eustachio è un rione storico della Capitale. E’ il rione di Palazzo Madama, San Luigi dei Francesi, Sant’Andrea della Valle e della chiesa omonima, oltre ad essere passaggio obbligato per chi vuole raggiungere il Pantheon da Piazza Navona e viceversa.

Qui nel rione Sant’Eustachio, lungo Via del Pozzo delle Cornacchie, si apre Piazza Rondanini, che prende il nome dal Palazzo che domina lo scenario.
Per gli appassionati di vino e buona cucina c’è anche il Ristorante Grano di Danilo Frisone e Saverio Crescente che hanno deciso di dedicare spazio nella loro carta dei vini anche al Frascati Superiore Docg Eremo Tuscolano dell’azienda agricola Valle Vermiglia di Mario Masini.

Gioco facile per l’Eremo Tuscolano visto che il menu è spostato in prevalenza sulle proposte di mare, sostenute da una solida quota di piatti della cucina romana sui quali il vino di Monte Porzio Catone combatte sempre ad armi pari.

E allora al giro di antipasti può reggere tranquillamente l’accoppiata del gusto con la tartare di tonno o di qualsivoglia pesce tirato fuori dal pescato del giorno, su un carpaccio di gamberi rossi e addirittura sul polpo arrostito, per atterrare “morbido” sulla mozzarella di bufala campana.

Il giro dei primi c’è da sperimentarlo con gli spaghettoni ai calamari, le fettuccine al ragù bianco di pollo, o esaltarlo con l’abbinamento classico tra malvasie e spaghetti alla carbonara.

E poi tutto il pesce che c’è:  spada, ricciola, merluzzo, cernia e calamari, in armonia con i condimenti di verdure, erbe e salse che in cucina sono ben capaci a dosare.

Tra un sorso di vino e un boccone di gusto c’è anche spazio per gli occhi: alle pareti le opere dell’artista Vincenzo Apicella.

Ristorante Grano – Piazza Rondanini 53, Roma – 06 68192096


[SCARICA L'ARTICOLO IN PDF]