Musei Vaticani, Eremo Tuscolano e Osteria delle Commari a Roma

Osteria delle Commari

Ci sono almeno due forti immagini legate ai Musei Vaticani che vengono spesso in mente: l’interminabile serpentone di turisti lungo le mura e il restauro del Giudizio Universale che tolse le braghe cinquecentesche apposte da Daniele da Volterra a tutti i nudi di Michelangelo nel cupo periodo controriformista.

Molte ore in piedi affamati di bellezza, si sa, portano come naturale conseguenza fame di cose più terrene. Tocca vincere la debolezza e rifuggire dai tanti locali acchiappaturisti del circondario facendo poco meno di duecento metri a piedi dall’ingresso dei Musei e imboccare via di Santamaura all’incrocio con via Candia e affidarsi nelle mani, e nelle pentole, della cucina dell’Osteria delle Commari.

Cucina di tradizione romana, come si vuole, per rimanere nel tema della ribollente romanità e della inquieta cristianità che si respirano qui in Prati semplicemente girando su se stessi a 360°.

Una pausa ristorante, nel più compiuto senso della parola, provando i filetti di baccalà, i tonnarelli menta e pecorino (o una super classica carbonara) e i saltimbocca alla romana. Tutti piatti che trovano più di un’affinità con l’abbinamento al Frascati Superiore Eremo Tuscolano che troverete nella carta vini del ristorante: sul fritto per via della buona spalla acida che sempre conserva il vino prodotto da Mario Masini in una delle zone più alte della produzione del Frascati Superiore; sui tonnarelli per l’aromaticità tipica del blend di malvasie che regge lo sprint della menta e per la naturale dose glicerica, sempre delle malvasie, al gusto che va ad imbrigliare la sapidità del pecorino; sui saltimbocca perché la tenacia gustativa di questo Frascati Superiore riesce a penetrare la carne di vitella se lasciata tenera da una sapiente cottura, veicolando ancor più le percezioni grasse e di erbe aromatiche di prosciutto e salvia.

Osteria delle Commari – Via Santamaura 23, Roma (Prati-Musei Vaticani) – 06 39729557

[Crediti foto: Osteria delle Commari]


[SCARICA L'ARTICOLO IN PDF]