Il Barolo Bussia 2013 di Amalia piace anche ai palati inglesi / Decanter World Wine Awards 2018

Bussia 2013

Il team del Decanter World Wine Award 2018, capitanato dal degustatore inglese Steven Spurrier, ha assegnato la Bronze Medal del DWWA al Barolo Bussia 2013 di Amalia Cascina in Langa.

La Bronze Medal è stata riconosciuta al Bussia 2013 per aver raggiungo un punteggio di 89 centesimi che per il team DWWA sta a significare “a well-made straightforward & enjoyable wine”.  Un risultato di tutto rispetto, visto che nelle produzioni di Barolo di Amalia, il Bussia come unico cru è stato imbottigliato per la prima volta nel 2013.

Storicamente, il blend del Barolo “annata” di Amalia Cascina in Langa si componeva con le uve provenienti dai due vigneti di proprietà nei due cru distinti e classificati MGA per il Barolo di Monforte d’Alba -il vigneto a Le Coste di Monforte e il vigneto Fantini alla Bussia-.

In più, nelle annate considerate di altissima qualità, la selezione delle migliori uve del cru Le Coste di Monforte veniva imbottigliata separatamente.

Con la vendemmia 2013, vista l’alta qualità delle uve raccolte, la famiglia Boffa di Amalia Cascina in Langa ha deciso di uscire con un secondo Barolo da cru da affiancare al primo storico Le Coste di Monforte.

A partire dalla vendemmia 2013, quindi, il cru di Barolo Bussia di Amalia Cascina in Langa, in commercio a partire dal 2018,  viene prodotto solo nelle annate che sanno esprimere al meglio le peculiarità del vigneto di provenienza, come già accade per il Barolo Le Coste di Monforte. I due cru producono vini dalle caratteristiche organolettiche differenti derivanti sia dalla diversa tipologia di terreno e che dalla diversa esposizione dei vigneti.

Il Barolo Bussia, nella sua prima edizione uscita con l’annata 2013, ha già un curriculum di tutto rispetto, raccogliendo in modo trasversale abbondanti riconoscimenti oltre che dai palati inglesi, anche da quelli italiani, francesi, asiatici e belga:


[SCARICA L'ARTICOLO IN PDF]