Eremo Tuscolano è “un Frascati diverso” secondo la guida Doctor Wine di Daniele Cernilli

Eremo Tuscolano

Anche l’ultima vendemmia disponibile in commercio per il Frascati Superiore Eremo Tuscolano di Valle Vermiglia rientra tra i vini consigliati dalle guide italiane, che operano un lavoro di selezione sul territorio affinché il consumatore possa andare più a colpo sicuro nelle sue scelte.

Di nuovo viene affermato e condiviso il progetto di Mario Masini per produrre un Frascati che esprimesse un vino più legato alla tradizione agronomica e vitivinicola dei Castelli Romani.

Ed ecco che sulla Guida Essenziale ai Vini d’Italia 2018 di Daniele Cernilli alias Doctor Wine, guida che utilizza un punteggio centesimale come parametro sintetico di valutazione, all’Eremo Tuscolano 2016 sono stati assegnati 90 punti: un indice di gradimento molto alto per i degustatori.

Chi ne volesse sapere di più sul giudizio, può andare a leggere le note sulla Guida Essenziale ai Vini d’Italia 2018 a pag. 181:

“I monaci camaldolesi sulle pendici del Monte Tuscolo hanno il loro eremo e i loro vigneti. In questa terra a un passo da Roma ma al contempo così nascosta e incontaminata – l’accesso alle donne è appena tollerato – si fa vita di clausura. Qui, con ottimi risultati, Mario Masini produce un Frascati diverso, caratterizzato da pulizia e eleganza.

90
Frascati Superiore Eremo Tuscolano 2016
Da uve malvasia del Lazio 60%, malvasia di Candia, trebbiano toscano, trebbiano giallo e bombino bianco 40%. Affinamento in acciaio per 8 mesi. Giallo paglia. Naso delicato ed elegante. Sensazioni di fiori e agrumi, leggere note esotiche. In bocca è snello, sottile e leggermente balsamico. Chiude su delicate note fruttate”.