Dehors e tradizione romana a Trastevere

Trastevere

Primavera inoltrata significa tavoli affollati nei dehors della ristorazione di ogni dove.

A Roma siamo un po’ più fortunati, per tanti motivi, non da escludere quello dell’avere un clima sempre molto mite, anche d’inverno, che permette alla ristorazione capitolina di lavorare all’esterno praticamente quasi tutto l’anno. Non va dimenticato poi l’afflusso di turisti stranieri che, soprattutto in centro, amano “rosolarsi” indugiando sui tavolini all’aperto appena spunta un sole anche pallido.

Il connubio tra dehors e cucina della tradizione romana diventa quindi una favolosa attrattiva, e non solo per gli stranieri.

Tra i tanti, a Roma, c’è  l’Osteria Pucci a Piazza Mastai, nel cuore di Trastevere.

Il locale presenta una cucina romana solida con innesti di piatti dal gusto classico, vicino al ricordo della cucina di casa. La presenza in menu dei “rigatoni alla zozzona” con salsiccia, pecorino e parmigiano, dei rigatoni “cor sugo di Pajata d’agnello”, dell’abbacchio scottadito, della trippa alla romana e della coda alla vaccinara “marcano bene il territorio” dando subito l’idea di radicamento nella tradizione capitolina più verace.

L’influenza romana si innesta comunque in un menu molto sostanzioso e vario nella proposta, passando per le carni contemplate in tutti i tagli e in molteplici preparazioni arrivando sino alla cucina di mare.

Nella carta dei vini troverete anche il Frascati Superiore Eremo Tuscolano di Valle Vermiglia che vi consigliamo di provare sulle mezze maniche alla carbonara, sugli spaghetti dell’Osteria (con vongole e guanciale), sulla zuppa di ceci e mazzancolle, sui saltimbocca alla romana e sulle polpette in bianco con dadolata di verdure fritte croccanti. Fatevelo servire ben freddo all’inizio del pasto e portatevelo avanti per tutto il pasto, dedicandovi un pranzo in una delle prossime giornate primaverili o della primissima estate per assaporare con gusto l’atmosfera romana.

Ristorante Osteria Pucci – Piazza Mastai 2 – Roma – 06 5819870


[SCARICA L'ARTICOLO IN PDF]