Cucina di mare in centro a Roma: c’è l’Osteria 140 Oyster Bar in via dei Banchi Vecchi

Osteria 140

Costretti a rimanere nella grande città in estate ci si può consolare con l’idea vacanziera almeno dal punto di vista gastronomico, sfruttando l’opportunità di dedicarsi alla scoperta di uno dei ristoranti cittadini che mettono al centro la cucina di mare.

In particolare a Roma la proposta è solida e sempre ricca di novità. L’Osteria 140 in via dei Banchi Vecchi, una delle più belle e movimentate strade del centro storico, può essere un ottimo punto di partenza.

Al timone c’è lo chef Gianfranco Pecchioli, patron tenace e dall’ottimo curriculum, con all’attivo esperienze alla scuola di Heinz Beck a La Pergola e di Enrico Pierri nella cucina del ristorante Il San Lorenzo.

L’esaltazione della materia prima con tecniche di cottura rispettose e attente, la centralità del mondo vegetale, l’amore per i colori e l’essenza primaria dei singoli sapori sembrano essere i tratti distintivi della cucina proposta sui tavoli dell’Osteria 140.

Infatti non siamo solo di fronte ad un Oyster Bar alla moda ma ad un vero e proprio ristorante di alta cucina.

Scampi scottati, spuma di risotto alla crema di scampi, polvere di crostacei e riso soffiato, Calamaro shabu-shabu, sedano rapa, julienne di sedano, maionese agli agrumi, Riso cacio, pepe, cozze e lattuga di mare, Ravioli ripieni di seppie, pomodori, bieta e il loro fondo di cottura sono solo alcuni dei piatti che troverete nel menu del ristorante.
Massima attenzione riservata anche alla cucina vegetariana: assolutamente da provare il Tortino di carote, cumino, yogurt e cialde al sesamo.

Tutti piatti sui quali potreste abbinare senza indugio il Fiorano Bianco della Tenuta di Fiorano, presente nella carta dei vini, ossia un vino di ottima aromaticità e dal grande equilibrio: un ottimo compagno per preparazioni apparentemente “delicate” ma di incredibile sostanza e ricchezza di sapori.

Ristorante Osteria 140 Oyster Bar – Via dei Banchi Vecchi 140A, Roma – 06 87656724


[SCARICA L'ARTICOLO IN PDF]