Chianti Classico Tenuta Sant’Alfonso 2014 Rocca delle Macìe / Scheda tecnica

sant'Alfonso

La scheda tecnica del Chianti Classico Tenuta Sant’Alfonso 2014 di Rocca delle Macìe, azienda di Castellina in Chianti in Toscana

Denominazione: Chianti Classico Docg
Vitigni: sangiovese 100%
Gradazione alcolica: 13,5%
Numero di bottiglie prodotte: 45.000 circa

Vigneto di provenienza: vigneto Sant’Alfonso a Castellina in Chianti
Tipologia del terreno:
depositi miocenici con tessitura sabbiosa-limosa
Altitudine del vigneto: circa 300 metri sul livello del mare
Età delle vigne al tempo della vendemmia per questo prodotto: 15 anni
Esposizione delle vigne: sud ovest

Sistema di allevamento: cordone speronato
Sesto d’impianto: 2,40 m x 0,75 m
Numero ceppi per ettaro: 5.500
Resa: 60 quintali per ettaro, ben al di sotto del valore stabilito dal disciplinare
Superficie del vigneto: 10 ha, sui 50 vitati, nella tenuta sono dedicati al cru Sant’Alfonso
Conduzione agronomica: lotta integrata

Epoca di vendemmia: fine settembre, prima decade di ottobre
Vinificazione: le uve sono rigorosamente raccolte a mano e depositate in cassette, operando una prima selezione dei grappoli direttamente in vigna. La vinificazione è svolta in acciaio a temperatura controllata; segue maturazione in botti grandi da 35 hl di rovere francese di Tronçais per un periodo di almeno 12 mesi; affinamento in bottiglia di almeno un anno prima della commercializzazione.

Prima annata prodotta: il primo imbottigliamento del Chianti Classico della Tenuta Sant’Alfonso risale al 1988.

Curiosità: il vigneto Sant’Alfonso è costituito da 50 ettari all’interno della tenuta omonima di complessivi 125, proprietà di Rocca delle Macìe a Castellina in Chianti. La Tenuta Sant’Alfonso fu acquistata nel 1973, nello stesso anno in cui si prese possesso anche dei terreni a Le Macìe. Il panorama agricolo è di pura toscanità con accanto ai vigneti anche 15 ettari di oliveto in cui si coltivano le cultivar più diffuse nella zona: frantoio, leccino e moraiolo.

Tenuta Sant'Alfonso

 


[SCARICA L'ARTICOLO IN PDF]